Tag Archives: Internet delle cose applicazioni

Internet delle cose per le aziende che vogliono crescere

Far fruttare al meglio la tecnologia, grazie a internet delle cose, si può

Il concetto di internet delle cose ha letteralmente rivoluzionato il mondo di internet e non solo in quanto ha creato nuove prospettive ancora largamente inesplorate che investono gli ambiti più svariati, dal marketing fino ai videogiochi. Internet delle cose è un concetto di nuova generazione che va ad individuare l’integrazione nella dimensione della comunicazione digitale dei manufatti prodotti dalle imprese. Con Internet delle cose qualsiasi oggetto, da una lampadina fino a una sveglia, potrebbe trasformarsi potenzialmente in un dispositivo intelligente, acquisendo così la potenzialità di raccogliere, rielaborare e inviare informazioni in tempo reale. Gli oggetti intelligenti che fanno parte di Internet delle Cose consentiranno di migliorare fattivamente la vita degli utilizzatori, che otterranno un aiuto anche nello svolgimento delle semplici mansioni quotidiane.

Cosa ha modificato Internet delle cose nelle aziende?

Secondo molti addetti a lavori con Internet delle Cose si è assistito rapidamente a una evoluzione dei prodotti in dispositivi intelligenti interconnessi tra di loro che hanno letteralmente ridisegnato anche il mondo delle industrie e della produzione. Il concetto alla base di Internet delle Cose è che stiamo parlando di una rete interconnessa di dispositivi intelligenti in continuo aumento. L’obiettivo dichiarato di Internet delle Cose è quello di fare in modo che il mondo elettronico tracci una mappa accurata di quello reale, permettendo così agli oggetti, alle persone e ai dispositivi informatici di interconnettersi fino a formare un’unica, immensa, rete mondiale. Grazie a Internet delle Cose gli oggetti e le persone potranno finalmente comunicare tra di loro, raccogliere e scambiarsi informazioni in tempo reale a tutto vantaggio del business e in completa sicurezza. Questo significa che gli oggetti intelligenti che fanno parte di Internet delle Cose potranno autonomamente prendere decisioni per risolvere problemi immediati o comunque mettere a disposizione i dati raccolti per potenziare il processo decisionale e renderlo più efficace sin da subito migliorando la pianificazione aziendale. Un esempio concreto di oggetti che fanno già parte di Internet delle Cose potrebbero essere le radiosveglie in grado di anticipare autonomamente l’orario dell’allarme sulla base dei dati raccolti in tempo reale sul traffico cittadino, oppure sensori di riscaldamento in grado di adattare la temperatura alle esigenze così da limitare gli sprechi al massimo.

In cosa si differenziano gli oggetti che rientrano nella categoria di Internet delle cose?

Gli oggetti che fanno parte di Internet delle Cose grazie all’integrazione digitale acquisiscono una sorta di intelligenza e riescono ad adattare il loro comportamento di volta in volta sulla base delle informazioni che si verificano nel mondo reale. Chiaramente Internet delle cose riguarda da vicino anche e soprattutto le aziende che potranno utilizzare le soluzioni Iot per migliorare il business e per aumentare la soddisfazione finale del cliente migliorando anche i diversi processi aziendali. Sono già diversi milioni gli oggetti che formano la rete di Internet delle Cose e secondo molti addetti ai lavori tale numero sarà destinato a moltiplicarsi esponenzialmente nei prossimi anni, aumentando così le opportunità derivanti da questa nuova e interessante tecnologia. Ma Internet delle cose ha davvero una miriade di possibili applicazioni nella realtà quotidiana, basti pensare ad esempio alla possibilità di collegare molti oggetti di uso comune alla rete per semplificare così operazioni che altrimenti porterebbero via tempo.

Internet delle cose: le applicazioni più utili per i professionisti

Quante funzionalità sono contenute in Internet delle cose!

Internet delle cose, in inglese Internet of Thing (Iot) è un neologismo entrato di prepotenza nella nostra vita di tutti i giorni negli ultimi anni. Con Internet delle Cose possiamo intendere l’integrazione nella dimensione digitale di tutta una serie di prodotti delle imprese che diventano interconnessi in una rete più ampia e si trasformano in veri e propri oggetti intelligenti in grado di raccogliere, elaborare e inviare dati. Tra l’altro secondo molti addetti ai lavori proprio l’evoluzione di Internet delle cose e dei prodotti che diventano oggetti intelligenti sta letteralmente ridisegnando le imprese e la concorrenza, ingiungendo alle imprese di mettersi al passo per non perdere importanti opportunità per il proprio business. Internet delle Cose peraltro è un concetto che vede protagonista proprio gli oggetti che iniziano così a svolgere delle funzioni diverse da quelle per cui sono stati inizialmente progettati.

Semplici lampadine quindi non saranno più dei semplici oggetti ma con Internet delle Cose diventeranno dei veri e propri dispositivi interconnessi capaci di prendere decisioni automatizzate e di gestire efficacemente una mole impressionante di dati. Insomma, sarebbe corretto parlare di Internet delle Cose come di una vera opportunità per tutte quelle realtà aziendali che vogliono intraprendere un percorso di digital trasformation e ridefinire il rapporto tra le diverse aree di business. A oggi ci sono già miliardi di oggetti interconnessi che fanno parte di Internet delle Cose e secondo molti analisti tale numero andrà ad aumentare esponenzialmente nei prossimi anni. Gli oggetti che entrano a far parte di Internet delle Cose possono essere anche molto diversi tra di loro, si va dalle lampadine fino alle automobili, ai sensori per il fitness, ai pezzi di arredamento, alle telecamere e agli elettrodomestici. Qualsiasi oggetto teoricamente se equipaggiato con un software che gli permetta di scambiare dati con altri oggetti connessi può entrare a far parte di Internet delle Cose.

L’unica precondizione per entrare in Internet delle Cose è quella di avere un indirizzo Ip che ne consenta l’identificazione univoca sulla rete e la capacità di scambiare dati attraverso la rete in modo autonomo, e quindi senza necessità dell’intervento umano. L’obiettivo degli oggetti connessi di Internet delle Cose è quello di semplificare la vita degli utilizzatori automatizzando processi o mettendo a disposizione tutta una serie di informazioni che in passato sarebbero rimaste largamente inutilizzate. Facendo un esempio concreto di Internet delle Cose basti pensare a una strada intelligente, anche detta smart road, una strada in grado di dialogare attivamente con auto e semafori raccogliendo dati utili per ottimizzare i flussi di traffico e rilevare l’inquinamento. Altro esempio di applicazioni di Internet delle Cose nella vita di tutti i giorni potrebbero essere i sensori posti sulle strisce dei posti auto per individuare la presenza delle vetture o dei termostati in grado di adeguare la temperatura alla situazione del momento consentendo dei netti risparmi in termini di energia. In un futuro ormai prossimo con Internet delle Cose si potranno ottimizzare il consumo di risorse segnalando per tempo sprechi e guasti e anche migliorare i flussi di movimentazione di merci e persone.